maschio-angioino-logo

Search box

Emilia Romagna terza finalista PDF  | Stampa |  E-mail

Finisce 0-0 sul campo all'80' ma la terna arbitrale, male interpretando il Regolamento, decide di far giocare anche i supplementari (sotto una pioggia battente e a temperature quasi...polari) ed infine i calci di rigore. Vince comunque l'Emilia Romagna (già qualificata in base al nostro Regolamento per aver segnato due gol fuori casa e quindi a parità di risultato in vantaggio sugli avversari) che trasforma 4 penalty contro due del Triveneto. Così i campioni d'Italia in carica raggiungono Campania ed Umbria nella Final Four di Roma.

E. Romagna – Triveneto   0- 0  (4-2 dcr)

 

E. ROMAGNA (4-4-2) : Gasparini; Piva, Rosetti, Casadio, Simonatti; Benassi, Nanni, Franceschini, Nobili; Giunti, Fedozzi. Sono subentrati: Cavina e Paparella.  All.: Rizzoli.

TRIVENETO (4-4-2): Duca; Cardona, Fabbro, Chiasera, Cattaneo; Mion, Muraro, Pivetta, Trevisanello; Ferrarini, Durisotti.  Sono subentrati: Bedin e Bolzanello. All.:

Arbitro: Vasco di Bologna

Rigori: per l’Emilia Romagna hanno segnato Casadio, Nanni, Giunti e Fedozzi, per il Triveneto Chiasera e Mion.

Note: Terreno pesante, condizioni meteo avverse. Calci d’angolo: 3-3

Recupero: 1’ pt, 4’ st.

Miglior giocatore E. Romagna: Casadio

Miglior giocatore Triveneto: Muraro

 

Imola. Un freddo quasi polare, il campo pieno di neve, una pioggia insistente non hanno fermato i medici veterinari dell’Emilia Romagna e del Triveneto che hanno disputato una partita bella e a tratti spettacolare.

Sicuramente le condizioni del terreno di gioco, al limite della praticabilità, hanno influito non poco sull’andamento della gara. Prima della gara, con tanta buona volontà, tutti si sono adoperati per sgomberare la neve dal campo. Basti pensare che nel pomeriggio a Bologna, a venti chilometri appena da Imola, è stata sospesa la partita di serie A Bologna-Roma. Partita combattuta soprattutto a centrocampo, poche le azioni davvero pericolose, portieri quasi inoperosi. Finisce 0-0 all’80’. Da regolamento si qualifica l’Emilia Romagna ed invece nasce un giallo.

La terna applica il regolamento UISP, cancellando il regolamento della Coppa Italia Veterinaria, comunque approvato dai massimi dirigenti nazionali dell’UISP.

Si continua a giocare: tempi supplementari. Il risultato non cambia. Si va così ai rigori. Tutti stremati i calciatori delle due squadre si portano sul dischetto sorretti dalle ultime gocce di energia… Davvero gocce per il Triveneto che sbaglia due penalty lasciando via libera all’Emilia Romagna che trasforma tutti e quattro i rigori. Per i Campioni d’Italia in carica  è la seconda finale consecutiva. Dopo aver vinto la Supercoppa Veterinaria i ragazzi di mr Rizzoli vorrebbero completare la bacheca anche con la Coppa Italia. Le altre finaliste sono avvisate…

emilia_-_triveneto_0-0

Una fase di gioco sul terreno al limite della praticabilità...

emilia_-_triveneto_2

 Un calcio di punizione del Triveneto molto pericoloso.

emilia_-_triveneto_4

 Alla caccia del pallone... ma la partita finisce a reti inviolate. Si va ai tempi supplementari.